Quest’anno, a causa del decreto relativo al coronavirus non ho potuto festeggiare Pasqua con i miei nonni e ci sono rimasto molto male.

La mattina di Pasqua per me è stata molto triste ma quando è giunta l’ora di pranzare mi è venuta un’idea geniale: pensando a questi giorni in cui mi collegavo con i miei amici e maestre tramite il computer ho pensato di scaricarmi skype e contattare in questo modo amici e parenti.

La mia illuminazione è funzionata e sono riuscito a pranzare virtualmente con le mie zie e cugine. In seguito sono riuscito a connettermi anche con i nonni, salutandoli dopo molto tempo.

Mi sono reso conto che in questo periodo si possono rendere le cose più normali con la tecnologia che in questi ultimi anni ha fatto passi da gigante.

#Pasquaadistanza

#unsalutoatutti

N.C.

utente10 post