In questo articolo parlerò della riflessione che ho fatto sulla lettura “la posta del cuore 4”.

Prima di tutto volevo dire che le persone che mi rallegrano il tempo sono tante: i miei genitori, gli amici, i nonni, gli zii…

è proprio vero che gli amici sono come le foglie di un albero, alcune, con l’arrivo di una folata di vento si staccano, ma, anche da terra continuano a vivere assieme a noi, alimentando in continuazione le nostre radici e, talvolta facendoci ricordare di quei momenti che ci danno la forza per andare avanti.

Le foglie più rigide, robuste del mio albero sono quelle dei miei migliori amici, trucciolo, zonakten, lepussida e tommasiero ( i loro soprannomi) queste foglie non si staccheranno mai, rimarranno sempre sui rami del mio albero.

Tutti gli amici, entrando nella nostra vita ci lasciano una piccola parte di loro, anche noi lasciamo a loro una piccola nostra parte, così entrambi diventiamo persone migliori.

E.C.

utente12 post